top of page

N.13 - Gennaro O’ Giurnaliste

Il rapporto tra i napoletani e San Gennaro si è rafforzato nel corso dei secoli: il popolo in più occasioni ha invocato il santo perché risparmiasse sciagure alla città, e a ogni miracolo il santo è stato ripagato con affetto e ammirazione.


Nel 1527, quando la città subiva il diffondersi della peste ed era appena stata assediata dagli Angioini, i napoletani firmarono una sorta di contratto con il santo alla presenza delle sue reliquie e di un notaio.


L’evento miracoloso più famoso legato a San Gennaro è quello avvenuto, secondo la tradizione, durante l’eruzione del Vesuvio del 1631, quando, in seguito alla processione delle insegne del Santo, il sangue si sciolse e la colata di magma arrivata quasi in città si arrestò improvvisamente.


Era il 16 dicembre e da allora, ogni anno, i napoletani attendono il ripetersi del miracolo. È atteso in tre date, il 16 dicembre, appunto, il 19 settembre, durante la festa di San Gennaro, e il sabato che precede la prima domenica di maggio, nella commemorazione del giorno in cui i resti del santo furono portati nelle catacombe di Capodimonte.


La devozione verso San Gennaro è rimasta intatta nei secoli e oggi a Napoli sono vari i luoghi in cui è possibile vivere l’indissolubile legame tra il Santo e la città. In seguito al contratto con il santo, nel 1646 fu completata la splendida Cappella del Tesoro di San Gennaro, forse l’espressione più alta dell’arte barocca a Napoli. La Cappella del Tesoro appartiene non alla curia ma alla città, rappresentata dall’antica Istituzione della Deputazione del Tesoro, eletta nel 1601 e tutt’ora esistente.


L’eredità più grande di San Gennaro è forse però quella immateriale: l’attaccamento dei napoletani alla sua figura caratterizza un popolo da sempre legato al divino quanto all’esoterico, che mischia spesso fede e superstizione. Il rapporto tra Napoli e il suo patrono è unico e indissolubile, radicato nella cultura popolare da secoli, e i napoletani continueranno sicuramente a contare sul suo intervento per proteggere la città.


San Gennaro, presente nelle edicole votive della città, in un baleno può diventare giornalaio: così come l’edicola votiva protegge il suo ospite, quella dei giornali incornicia l’edicolante San Gennaro, che pazientemente attende l’arrivo del prossimo cliente.



Lorenza Sabatino



Articolo originale:





Accattatev o giurnal

fatti sacri storie e Sant

San Domenico o San Pascal

chi tene a piazz chiú important?

Signó nunmm avit canusciut

guardat buon chistu viso

o nomm mio ca e risaput

veng a ngòpp o paradiso,

mo so scis ntèrra, me mancav addór e mar,

ancòr n’ata capit, nun tenit bona vist

signò so San Gennar

ma oggi faccio o giurnalist





96 visualizzazioni

Comentários


bottom of page